Escursione al Monte Due Mani (episodio uno)

Quest’anno niente gitarella all’estero per Natale, ma una gitarella in montagna e più precisamente alla scoperta del Monte Due Mani

Giorno di pre-vigilia natalizia, sono le 09:00 circa e noi siamo ancora nel letto.

Claudia accenna un “andiamo a fare un passeggio in montagna?” e io, che già ci pensavo il giorno prima mentre ero in sella alla mia Charlene, non posso che dirle di si 🙂

È un po’ che non usciamo a camminare in montagna e un trekking senza strafare è quello che fa per noi

Da lontano, le Grigne e il Resegone (sia dalla Valle Olona, nell’uscita in mountain bike del giorno prima, che da Milano) mi sembrano entrambe abbastanza privi di neve. Così apro quella che ormai è diventata la nostra guida del Touring Club Italiano [e si, perchè prima era dei genitori di Claudia, nda] e scelgo un itinerario che si confaccia alle nostre “esigenze”.

Tenuto conto, in primis, che non saremmo usciti di casa prima delle 11:00, scelgo un itinerario veloce e con un dislivello accettabile visto che non usciamo a camminare in montagna dal dì del giro ad anello sul Monte Bollettone (leggi il report QUI).

Considerati massimo 600 metri di dislivello positivo e due ore di cammino per l’andata, la nostra scelta ricade sull’itinerario Morterone – Monte Due Mani

Saliti in macchina, recuperiamo panini e pizza al forno vicino casa e dirigiamo verso Lecco. Poco prima di entrare in Ballabio, svoltiamo a destra e iniziamo la nostra salita verso Morterone, come descritto nell’itinerario della guida del Touring Club.

Dopo circa 10 km di comoda strada in salita [un po’ strettina per due macchine, ma comunque comoda e molto ben tenuta, nda] parcheggiamo la macchina in una comoda piazzola (distante meno di un chilometro dall’uscita della seconda galleria che troviamo strada facendo).

Recuperiamo gli zaini nel bagagliaio (nel mio, all’insaputa di Claudia, ho messo una sorpresina da stappare insieme) e iniziamo la nostra salita (altitudine 1063 metri s.l.m.).

escursionismo trekking lago di lecco valsassina monte due mani vista impareggiabile

Via che si va, dietro di noi c’è la vetta del Monte Due Mani che ci attende 🙂

La temperatura è ottimale e l’assenza di neve [alla vista, nda] mi fa ben sperare. In alto, davanti a noi, ho già individuato il tipico bivacco sferico del Monte Due Mani

Il sentiero, ben visibile davanti a noi e ben segnalato, inizia subito in salita e dopo nemmeno dieci minuti di cammino è già ora di iniziare a togliersi i primi capi di abbigliamento messi su “a cipolla”.

Lungo “la via”, qualche residuo della nevicata dei giorni scorsi ma nulla di preoccupante per adesso.

Da valle, la nostra meta e il sentiero per raggiungerla sembrano essere ben esposti al sole e a sud, e gli escursionisti che ci precedono sembrano salire belli spediti e senza troppi problemi.

Snodandosi lungo la costa della montagna, la percorrenza del sentiero rimane molto piacevole. Qualche roccetta da superare di tanto in qua, ma niente di insormontabile.

Alla nostra sinistra, la parete nord del Resegone e mentre ripercorriamo con i ricordi il nostro giro ad anello per raggiungere la cresta Cermenati del Resegone stesso (report QUI), in una trentina di minuti raggiungiamo la Bocchetta di Dèsio (distanza 1.5 km, altitudine 1340 metri s.l.m.).

escursionismo trekking lago di lecco valsassina monte due mani vista impareggiabile

Sosta alla Bocchetta di Desio per una fotina sulla neve. Come avrà fatto a scivolare, lo sa solo lei 🙂

Qui la coltre di neve a terra è bella compatta e persistente. Claudia è felicissima e, con essa, anche io.

Dopo una breve pausa riprendiamo il cammino ed entriamo in un ampio bosco di faggi.

Il sentiero, davanti a noi, dopo pochi metri svolta repentinamente a sinistra inerpicandosi dapprima lungo il fianco della montagna e poi lungo la “direttissima”, tra mille tornanti, un ometto e tanta neve ghiacciata lungo la tratta.

Davanti a noi, a pochi metri, due escursionisti ci precedono

Mentre ce ne andiamo in freeride per evitare la neve ghiacciata, scambiamo qualche “chiacchiera di cordata” con gli altri due escursionisti.

Le chiacchiere si rivelano molto utili a ravvivare lo spirito e a non pensare ne alla pendenza, ne alla mancanza di forma fisica ne tanto meno alla neve ghiacciata a terra…

Insieme, tutti e quattro, raggiungiamo un segnavia in cresta (distanza 2.5 chilometri, altitudine 1604 metri s.l.m.) dove ci fermiamo ad ammirare il panorama e scambiare ancora qualche chiacchiera con gli altri due escursionisti che, nel mentre, agganciano i ramponi da ghiaccio ai loro scarponi.

Con il Resegone alle spalle, davanti a noi e in senso orario ammiriamo: Monviso, Monte Rosa, Grignetta, Grignone, Legnone, Pizzo Tre Signori, Campelli, Sodadura, Arera, Alben, Costa di Palio, Resegone e gli Appennini (visibili solo dalla vetta meridionale del Monte Due Mani e in giornate veramente limpide).

escursionismo trekking lago di lecco valsassina monte due mani vista impareggiabile

Com’è il panorama? 🙂

escursionismo trekking lago di lecco valsassina monte due mani vista impareggiabile

… ecco anche il resto 🙂

La vista, da quassù, spazia inoltre su Lecco e su tutta la Valsassina, oltre che sui Laghi di Pusiano, Annone e Garlate

Ma per me e Claudia la “scalata al Monte Due Mani” finisce qui, ad un passo dalla vetta meridionale del monte stesso

Non essendo attrezzati per superare la cresta ghiacciata, siamo costretti a fare dietrofront. Prevenire è meglio che curare e in montagna è sempre meglio non rischiare!

Sfoglia la galleria fotografica completa sulla pagina Facebook di Agenda Degli Appunti.

Clicca qui —> Trekking al Monte Due Mani

Potremmo tornare indietro un centinaio di metri e scegliere di raggiungere la vetta meridionale del monte attraverso un sentiero che taglia attraverso la costa della montagna.

Ma non fido troppo ad allungare i tempi, soprattutto perchè vorrei guadagnare la Bocchetta di Desio in discesa quanto prima e in sicurezza, per poterci godere la meritata pausa in compagnia della bottiglia di Valpollicella che ho messo nello zaino 🙂

Dopo un po’ di freeride sui prati in discesa [per evitare la coltre di neve ghiacciata sul sentiero, nda] guadagnamo nuovamente la Bocchetta di Desio e la meritata pausa con vista sulla parete nord del Monte Resegone.

escursionismo trekking lago di lecco valsassina monte due mani vista impareggiabile

Pausa alla Bocchetta di Desio con new entry: il vinello al seguito 🙂

Tra qui e la macchina ci sono solo venti minuti di sentiero in discesa da fare. Quindi ce la prendiamo con calma e ci rilassiamo.

Le vibes sono ottime e quando arriviamo alla macchina per avviarci verso casa, la natura decide di regalarci un tramonto mitico su Lecco e i laghi

Oggi abbiamo lasciato un conto aperto con il Monte Due Mani, ma con il ghiaccio in cresta (e noi non eravamo attrezzati per superarlo) non ce la siamo sentita di rischiare per niente.

Alla fine, il Monte Due Mani è li a due passi da casa e, a neve sciolta, torneremo con lo scopo di raggiungere il Bivacco G.E.F.O. Olginate, magari partendo dal Culmine di San Pietro la prossima volta 🙂

escursionismo trekking lago di lecco valsassina monte due mani vista impareggiabile

La parete nord del Resegone vista dalla Bocchetta di Desio

8 pensieri su “Escursione al Monte Due Mani (episodio uno)

  1. gbal45 ha detto:

    Una bella gita e non rischiare lo scivolone è un modo per tornare giù col sorriso.
    In questo periodo non l’ho mai fatto ma in passato sono salito via Ferrata omonima più la cresta finale. Divertente ma l’ultimo torrione (Torrione della Discordia)…l’ho lasciato lì da fare; non me la sentivo, solo soletto. Il bello di quella ferrata è che c’è sempre il sentierino di bypass.
    Bravi😜

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.