ideogramma pieno vuoto illuminazione zen giappone

Un anno tutto nuovo è cominciato

Il trentottesimo, della mia vita.

Il primo, su trentasette, nel quale sono by myself… letteralmente DA SOLO, ma non solo.

Non ci sono ne amici, ne famigliari, ne colleghi, ne donne. Niente…

Ci siamo solo io, me stesso, un certo silenzio e anche un certo senso di “vuoto”.

L’inizio di questo nuovo anno è un po malinconico

Poi prendo a fare due cose in casa e mi accorgo che sto bene. Decisamente bene!

Quella sensazione di sconforto iniziale che ho avvertito quando ho aperto gli occhi è sparita. Al suo posto, un certo benessere sia interiore che mentale che… spirituale.

Mentre stendo la prima lavatrice dell’anno, mi preparo una spremuta.

Accendo il telefono che inizia a “vomitare” notifiche di email e di messaggi di auguri ricevuti notte facendo… li scorro via piano piano, li lascio “a dopo”

Accendo la radio su Lifegate Radio 105.10 [conosciuta da poco grazie a Claudia, nda] e mi godo i raggi di sole che entrano dalla finestra.

Prendo il libro di Yukio Mishima che mi ha regalato Tonino (il compagno di mia cugina) e mi metto a leggere sul divano, “baciato” dal sole.

Lo spirito, nel senso di spirito interiore, è quello giusto

Le letture orientali in questo ultimo anno hanno rafforzato molto il mio animo e hanno aiutato molto la mia mente a rimanere serena anche nei momenti peggiori; e con lei il mio cuore.

Nel cuore, risiede la serenità della mente

M. ANGELETTI

Leggo ancora. Faccio una pausa. Chiamo a casa da mia mamma e nessuno risponde; nel mentre colgo l’occasione, e il tempo, per chiamare un paio di amici al paesello [S.Rufina, nda].

Uno di loro non lo sento e non lo vedo ormai da un anno e sentire la sua voce mi fa piacere. La associo al suo volto che non vedo da troppo.

Con lui la vita e il destino non sono stati per niente teneri in questi ultimi 365 giorni e a lui spesso vanno i miei pensieri, le mie riflessioni. Per me lui è come un fratello e tutto ciò che gli sta accadendo lo sento come se fosse accaduta nella mia famiglia, e mi spiace… e la speranza che le cose si “sistemino” è tanta.

Comincia un nuovo anno, solare si intende

Certo, perché la vita non si ferma al 31 di dicembre per riprendere daccapo o diversamente il primo di gennaio.

No, la vita va avanti comunque e comunque prosegue il suo corso. E per alcuni di noi, o di voi, rimangono le stesse situazioni.

Certo perché non funziona che si passa una botta di spugna e via. Molte situazioni rimangono inalterate e si spera che magari il tempo porti qualcosa di nuovo, di buono, un cambiamento e magari… un ritorno alla normalità.

Mi preparo un tea

Si dice “anno nuovo, vita nuova”, e per me quest’anno è proprio cosi

È cominciato un nuovo anno, nuovo di zecca e per me è cominciata anche una nuova vita. Certo, non proprio allo scoccare della mezzanotte, però negli ultimi 365 giorni sono cambiate moltissime cose da quel primo di gennaio 2013 e… chissà cosa succederà prossimamente!

Chissà cosa farò, come mi organizzerò la mia nuova vita, dove e cosa mi porterà il caso. Chissà cosa il destino ha in serbo per me.

So solo che prenderò tutto come verrà, come ho sempre fatto.

Non mi “opporrò” ne tantomeno non farò niente per cambiare il corso delle cose

Me ne starò li, come un bambù. Forte e arrendevole allo stesso tempo.

Come l’acqua di un torrente che scorre e che si adatta alle condizioni e ai fondali che gli si presentano.

Buoni propositi nessuno, tantomeno cattivi.

Continuerò il mio viaggio sulla Via, mettendo in pratica gli insegnamenti della vita e le esperienze fatte. Facendo tesoro delle letture che giornalmente mi aprono gli occhi e mi stanno facendo crescere.

Leggendo Mishima sul divano, baciato dal sole, bevendo vino, godendomi la giornata e la vita

Per cominciare bene questa “nuova vita”, oggi mi sono goduto appieno la mia

Ho letto, ho ascoltato musica, ho allargato e coltivato i rapporti interpersonali, ho mangiato e bevuto come mi piaceva in quel momento ovvero come mi sentivo in quel preciso momento [in base al mio stato d’animo, nda].

Magari adesso accenderò un po di TV mentre finisco di bere il vino rosso appena aperto e mangiucchio qualcosa.

Questo sono io adesso e mi piace essere cosi. Con i miei pregi e i miei difetti.

Mi godo la mia vita, non mi interesso di quella degli altri e voglio che gli altri facciano altrettanto con me

That’s the way I like it baby, I don’t want to live forever

The aces of spades, Motorhead

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.