pane bianco toscano fatto in casa

Il pane fatto in casa

Allora, questa mia cosa di “lavorare” pane, pizza o lievitati in genere risale alla notte dei tempi… praticamente sono cresciuto andando a trovare il mio padrino di battesimo che faceva il fornaio tutti i sabati mattina con mio papà.

E mentre loro fumavano e parlavano, io (curioso come una donnola) girovagavo tra forni, impastatrici, farine, lieviti, bilance, teglie e via dicendo fantasticando su quel mondo da grandi. Avere le mani in pasta mi ha sempre attizzato!

Crescendo, questa cosa continuava ad attirarmi così tanto che un paio di volte chiesi anche a Romano (il padrino di battesimo di cui sopra) se gli serviva un garzone/apprendista perchè mi sarebbe piaciuto imparare. Ma non c’è stato niente da fare; non per cattiveria, ma perchè mettersi in bottega un apprendista gli sarebbe costato soldi… o magari non voleva svelare i trucchi del mestiere ad “uno di passaggio”. E ci mancherebbe altro!

Nei giorni scorsi mi sono erudito un po’ al riguardo e dopo aver fatto un paio di prove, ecco il mio pane fatto in casa

La passione per i lievitati che avevo da bambino mi è rimasta, e quale miglior occasione se non questo periodo di “clausura” che stiamo vivendo per darle “sfogo”? 🙂

Le foto del pane fatto in casa che ho preparato in questi giorni parlano da se, giudicate voi se non è passione vera 🙂

NOTA BENE: lievitazione, alveoli, altezza, colore e via dicendo possono dipendere da molti fattori tra cui la lavorazione, il tipo di lievito che userete, la temperatura, l’umidità, la quota, le condizioni metereologiche… e ogni “produzione” di pane che farete in casa non potrà mai essere uguale all’altra 😉


alveoli pane fatto in casa
La prima prova di pane fatto in casa seguendo la preparazione di Tavolartegusto.it

INGREDIENTI PER IL PANE FATTO IN CASA

  • 200g di Manitoba
  • 140g di tipo 1
  • 230g circa di acqua (il 60%, ma dipende dalla farina che userete)
  • 1 cucchiaino di lievito di birra secco (circa 3g)
  • mezza bustina di zucchero (per attivare il lievito)
  • sale q.b. (io ho il terrore del sale nella pasta lievitata perchè ho sempre paura che mi “ammazzi” il lievito)

NOTA:

  1. Se userai solo farina 00 fai direttamente 400g della stessa
  2. l’acqua andrebbe messa piano piano valutando l’impasto mano a mano che si procede con la lavorazione iniziale

PREPARIAMO IL PANE FATTO IN CASA

In una ciotola capiente riunisci le farine setacciandole insieme.

Sciogli il lievito con lo zucchero in una parte d’acqua e un cucchiaino di sale nella restante parte.

Versa la parte di acqua con il lievito e lo zucchero a filo e, con l’aiuto di una forchetta (o con le dita) inizia a mescolare piano piano fino a quando la farina non avrà assorbito tutta l’acqua. A questo punto aggiungi la restante acqua con il sale sciolto e mescola fino ad ottenere un impasto morbido, ma non troppo.

Spolvera l’impasto con un po’ di farina e metti a lievitare per un paio d’ore in forno chiuso spento, coprendo con una pellicola o uno strofinaccio umido.


impasto pane fatto in casa
Riuniamo le farine, il lievito, lo zucchero, l’acqua ed il sale in una ciotola e mescoliamo con l’aiuto di una forchetta
impasto pane fatto in casa prima della prima lievitazione
Spolveriamo con della farina l’impasto e mettiamo a lievitare
impasto pane fatto in casa lievitato
Come si presenta l’impasto dopo la prima lievitazione

Quando l’impasto è lievitato almeno del doppio, capovolgilo sul piano di lavoro infarinato e lavoralo di nuovo per 10/15 minuti.

Lascialo riposare mezz’ora circa scoperto, poi capovolgilo nuovamente sul piano di lavoro infarinato, spolvera le mani con la farina e procedi con la formazione delle pieghe: prima lateralmente, poi dall’alto e infine dal basso.

Capovolgi l’impasto, dagli la forma desiderata e adagialo all’interno di una teglia già pronta con la carta forno infarinata o passata con un leggero strato di olio.
Se vuoi, taglia l’impasto in più parti e dagli la forma desiderata.

Lascialo lievitare fuori dal forno per un’altra ora circa, coperto con due strofinacci intervallati con la pellicola di plastica, o almeno fino a che non vedi che l’impasto del tuo pane fatto in casa è raddoppiato.

Fai la “prova del dito” e se la pasta torna su lentamente, accendi il forno al massimo e metti al suo interno una ciotolina d’acciaio con dell’acqua. Servirà a creare l’umidità necessaria all’interno del forno per far si che il calore non “attacchi” la superficie della pasta lievitata nel momento in cui la inforneremo.


filoncini di pane fatto in casa dopo la seconda lievitazione
I miei filoncini di pane fatto in casa dopo la seconda lievitazione e prima di essere infornate

COTTURA NEL FORNO DEL PANE FATTO IN CASA

A forno molto caldo, inforna la teglia per 12 minuti nella parte bassa, a contatto con il piano del forno stesso, a 250°C.

Successivamente, spostalo a cuocere per 5/10 minuti nel ripiano centrale a 200 °C e, se vorrai, lascialo cuocere ancora 5 minuti a grill acceso per avere una crosta più croccante.

Togli il pane dal forno e lascia raffreddare su una griglia d’acciaio o appoggiandolo, inclinato, alla parete del piano cottura.

Se hai seguito alla lettera le miei istruzioni, il risultato del tuo pane fatto in casa sarà come quello in foto… provare per credere 😉


pane fatto in casa a termini cottura
Ed ecco il mio pane fatto in casa, proprio come lo comprereste al forno (almeno così mi ha detto il fornaio, apprezzando il mio lavoro 🙂 )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.